L’uomo più sexy della terra

sexiest man on earth
Fabrizio Chiazza sexiest man on earth

Italians do it better si sa e i concorrenti italiani hanno dominato almeno 4 delle categorie in cui erano iscritti all’edizione 2008 del World’s Sexiest Man di Gaydar.co.uk che votava il Sex Factor ovvero la capacità tutta naturale di emanare fascino e trasmettere erotismo.

Fabrizio Chiazza, un trentatreenne fascinoso poliziotto motociclista italiano ha vinto 15.000 euro, più un contratto pubblicitario con il sito e ben 45.000 sono stati i voti a suo favore .

Il celeberrimo sito internazionale inglese  di chat e incontri ha indetto questo concorso per misurare il Sex Factor in varie categorie, tra cui l’uomo della porta accanto, sportivi, maturi, giovanissimi e la categoria uniform, quella di Fabrizio in cui rientrano tutti gli uomini che per lavoro portano un uniforme, e cioè soldati, poliziotti, medici, motociclisti etc.Tredici differenti categorie e 21 milioni di voti complessivi, a testimoniare il grande successo di questo sito che conta iscritti in 162 nazioni diverse tra cui l’IRAQ e l’Afghanistan.

Paesi in cui spesso Gaydar è l’unico punto di riferimento omosessuale e dove tale orientamento potrebbe addirittura essere pagato con la morte. Il nome per la cronaca è la sintesi di gay-(ra)dar, ovvero la supposta capacità dei gay di riconoscersi tra loro solo anche senza saperlo, una specie di sesto senso universale.

Curiosamente la categoria che ha ricevuto più partecipanti è stata next door man con 15,563 iscritti provenienti non da palestre e campi sportivi, ma dal vostro pianerottolo di casa, il favoloso, introvabile, mitico uomo della porta accanto.Per la cronaca, questa categoria è stata vinta da Gary Hodges un quarantenne di Bristol,UK.

Lista completa dei vincitori

I poliziotti gay non sono più un movimento segreto ma hanno visibilità pubblica in molte nazioni.

Eurogaypolice, pur con sede in Olanda, è il sito di riferimento per poliziotti gay di molte  nazioni, comprese quelle in cui l’omofobia non permette una simile visibilità.  “E’ un segnale che diamo ai cittadini, per dire loro l’ovvio, cioè che anche nella Polizia ci sono gay“.

L’associazione francese dei poliziotti gay e lesbiche si chiama Flag. Molto attiva, propone numerose iniziative, compreso un modulo  per segnalare eventuali discriminazioni.

Se volete sostenere la Gay Police Association inglese potreste comprare il merchandising della GPA,  che mette in commercio gadget cd e tutto quanto possa essere utile per promuovere la causa delle forze dell’ordine omosex .

Altrettanto attivo,  contro l’omofobia, è il club spagnolo, online su GayLesPol.org e quello austriaco www.gaycopsaustria.at .

In Italia esiste l’associazione POLIS APERTA, che riunisce poliziotti e militari gay e lesbiche.

Per approfondire:

Non chiedere non dire
Non chiedere non dire

Non chiedere, non dire? Vite di gay in divisa” di Giulio Russo.

Ed. Ombre Corte

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s