Figlio nel sangue,figlio nel cuore

Figlio nel sangue, figlio nel cuore, e chi ti chiama “Nostro Signore”, nella fatica del tuo sorriso cerca un ritaglio di Paradiso.

(F.De Andrè – Tre madri)

Eravamo fidanzati poi tu mi hai lasciato senza addurre motivazioni plausibili. “Non e’ vero tu non capisci l’universo femminile, la mia spiccata sensibilita’ si contrappone al tuo gretto materialismo maschilista”. Ciononostante…… Cara ti amo “Mi sento confusa”. Cara ti amo. “Devo stare un po’ da sola”. Cara ti amo. “Esco da una storia di 3 anni con un tipo”. Cara ti amo. “Non mi voglio sentire legata”. Cara ti amo. Oh… Rimani in casa. “Voglio essere libera”. Esci pure con chi ti pare. “Non t’interessi mai di quello che faccio”. Vorrei palparti le tette. “Porco”. Mai ti toccherei neanche con un fiore. “Finocchio”. Mi drogo, bestemmio, picchio i bambini e non ti cago. “Ti amo”. Mi faccio il culo quattordici ore di seguito per mantenerti e ti cago. “Ti lascio per un tossicomane che non fa un cazzo tutto il giorno, che bestemmia e picchia i bambini”. Mi metto il goldone. “Ho un desiderio di maternita'”. Ho un desiderio di paternita’. “Mettiti il goldone”. Cara ti amo “Mi sento confusa”. Cara ti amo. “Devo stare un po’ da sola”. Cara ti amo. “Esco da una storia di 3 anni con un tipo”. Cara ti amo. “Non mi voglio sentire legata”. Cara ti amo. Rimango in casa. “Mi opprimi”. Esco. “Questa casa non e’ un albergo”. Ti passo un cubetto di ghiaccio intinto nel Cointreau sulla pancia, dopodiche’ ti scopo bendata. “Non sono una troia”. E allora in posizione canonica io sopra e tu sotto. “Che palle”. Disse la vacca al mulo. “Oggi ti puzza il culo”. Disse il mulo alla vacca. “Ho appena fatto la cacca”. Cara ti amo “Mi sento confusa”. Cara ti amo. “Devo stare un po’ da sola”. Cara ti amo. “Esco da una storia di 3 anni con un tipo”. Cara ti amo. “Non mi voglio sentire legata”. Cara ti amo. Ed ora uniamo i nostri corpi nell’estasi suprema che e’ propria dell’idillio d’amore. “No perche’ quando avevo tredici anni mio cugino me l’ha fatto vedere e da allora sono traumatizzata pero’ possiamo restare abbracciati tutta la notte senza fare niente sara’ bellissimo lo stesso”. Te lo tronco nel culo. “Dai si’ adesso”. Usciresti con me domani sera? “Sono un po’ stanca e forse ho gia’ un altro impegno”. Beh poco male cosi’ vedo i miei amici. “Sono libera”. Mettiamola sul sesso. “Ho bisogno d’affetto”. Mettiamola sull’affetto. “Chiaviamo”. Io sono come sono. “Cerca di cambiare”. Ecco sono cambiato. “Non sei piu’ quello di una volta”. Tu mi appartieni. “L’utero e’ mio”. Eccoti i soldi per la pelliccia. “Eccoti l’utero”. Evviva l’amoooooooore.

(da un profilo su beawww.com)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s