Literati.Less is better

ftbunjin3jx4E’ lo stile più elegante e simbolico, ma anche il meno codificato e sicuramente il più difficile.

Il nome deriva dalla traduzione del termine giapponese Bunjin che a sua volta deriva dal cinese Wenjen e descriveva la corrente studentesca cinese che per prima si discostò dalle rigide regole bonsai inventando uno stile che era nello stesso tempo trasgressione, rivoluzione, creatività, in una parola, arte.

In realtà non è nemmeno uno stile, è quella che è stata definita una raffinata eleganza.

Nella tradizione bunjin gli alberi hanno tronchi avvitati in curve drammatiche quanto improbabili, affusolati e senza branche inferiori, senza o quasi nebari e poca ma evocativa vegetazione, quel tanto che basta per tenere in vita l’albero.

L’unico stile classico che potrebbe avvicinarvisi è il moyogi o eretto informale .

Per dirla come diceva  John Naka  “It is a dream, an abstract. It is an extremely advanced, significant bonsai design.

One thought on “Literati.Less is better

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s